La Biennale nel Bunker di Tito (e noi?)

Pubblicato: giugno 9, 2011 in Uncategorized
Tag:, ,

E rieccomi nella terra dei cevapi, dopo un’incursione milanese per la vittoria di Pisapia e una gita a London per vedere la civiltà.

Con il mio collega stavamo pianificando il week end imminente ed eravamo ispirati da un nuovo turbinante tour per monumenti “partigiani”, nello specifico quelli del grande architetto Bogdan Bogdanovic (di cui trovate un dossier sulle pagine dell’Osservatorio Balcani – http://www.balcanicaucaso.org/Dossier/Dossier/Il-secolo-di-Bogdanovic-I).

Ci piacerebbe vedere il monumento di Garavice a memoria dell’eccidio compiuto dagli Ustascia  nel 1941 ai danni di 12mila serbi della regione.


Già che siamo in zona (per modo di dire) poi si potrebbe pensare di andare a Jasenovac, dove c’è uno dei memoriali e dei monumenti più famosi e importanti di Bogdanovic, il fiore, costruito nel luogo in cui durante la seconda guerra mondiale c’era un campo di concentramento in cui perirono decine di migliaia di persone (zingari, serbi, musumani, ebrei).

Questo è il link del museo. http://www.jusp-jasenovac.hr/Default.aspx?sid=5020

E va beh, diciamo che è tutto superbello e poi a Jasenovac ci sono le cicogne che pascolano nel prato…

Però, però, però…stamattina ho letto che aprono a Konjic la Biennale di Sarajevo in quella che una volta era una delle basi segrete di Tito… un bunker nella Bosnia centrale inespugnabile.. .e ora sino a ottobre ospita opere d’arte. BELLO!

http://viaggi.repubblica.it/multimedia/biennale-d-arte-a-sarajevo-anche-nel-bunker-di-tito/29856178/1/1
Konijc, località poco distante da Sarajevo. Quello mostato è un bunker antiatomico fatto creare dal maresciallo Josip Broz Tito, ora riconvertito per ospitare una parte della Biennale di arte contemporanea che si tiene nella città bosniaca. Il rifugio mostrato da Serif Grabovica, un ufficiale in carica ai tempi del maresciallo, verrà con ogni probabilità riconvertito in museo. La biennale, che ospita lavori di artisti balcanici e ha come paese ospite la Turchia, si chiuderà in ottobre.
[09 giugno 2011]

Peccato che Konjic sia nel nulla + assoluto… andar lì vuol dire fare 4 ore e poi non avere un altro luogo dove andare…

Però, sentir riparlare di Bunker ci ha fatto ingolosire nuovamente, e nella nostra missione a Zeljava di un po’ d tempo fa, c’è un luogo nel quale non siamo andati, cioè la Cima della Pljesevica, dove c’erano i Radar e un altro bunkerino Titoista…

Per tranquillizzare tutti, stavolta posso dire che il posto è sicuro… c’è una strada (all’incirca) e sopratutto dal 1996 al 2004 è stato la base della Sfor canadese, quindi non ci sono sorprese nel’erba alta.
Per stuzzicare un po’  gli appetiti ecco un video della Sfor canadese che fa vedere la base (con musica da Real Top Gun!)

http://www.youtube.com/watch?v=UgRVN4PF6D4&feature=player_embedded

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...