Mille Km, tre tentate multe e una macchina in via di esplosione

Pubblicato: maggio 23, 2011 in Uncategorized
Tag:, ,

Che dire….Il week end non è stato certo noioso!!!

Statisticamente è ovvio che se uno percorre mille Km in Bosnia becca un sacco di pattuglie di poliziotti, e fin qui ci sta.
Ma la soddisfazione che nemmeno con Mastercard puoi avere è che su ben 3 tentati assalti alla diligenza (leggesi poliziotti bosniaci che cercavano di taglieggiarci) nessuno è andato in porto. Nonostante abbiamo viaggiato in incognito, con auto bosniaca semi-sgangherata (dopo torno sulla descrizione della Opel Corsa) mi hanno infatti fermata per: un controllo casuale, una lampadina fulminata, un eccesso di velocità (poca roba). I più insistenti sono stati i serbi dell’eccesso di velocità tanto che il pulotto aveva pure cominciato a scrivere lo pseudoverbale col quale mi chiedeva gentilmente una donazione alle sue tasche di 40marchi. Al  mio far finta di niente e alla mia convinzione di volere andare per forza a pagare in banca come da procedura, il poliziotto ha chiesto la resa. Poi siamo pure diventati amici, e non credeva a come parlavamo bene la loro lingua (ma sei italiana al 100% ???). I poliziotti della freccia bruciata (ce n’è una collezione sulla Opel di magagne) erano invece amichevoli e paternalisti, e non avevano voglia di far niente (forse erano di origine montenegrina….).

Ad ogni modo, le parti pacco del viaggio sono state: – la pioggia. – il guasto all’impianto di raffreddamento. – le strade segnate male sulle mappe.

La somma dei 3 fattori non è cosa da poco, per chi le mette bene insieme.

Test: vi trovate in un bosco in auto in un sentiero fangoso, là dove la cartografia riporta una strada normale, vi si surriscalda il motore e comincia a piovere. Cosa fate?

a) chiamate la Nato, l’Onu, l’Eufor e chiunque vi venga in mente che vi tiri fuori da lì, compreso l’esercito della salvezza e gli harekrishna

b) siete come Mc Giver, riparate il motore con un chewingum, pisciate nel radiatore e obbligate un orso che passava di lì a tenere un ombrello sulla vostra testa – dopo lo uccidete a mani nude lo scuoiate e lo mangiate. nel frattempo si scopre che non siete in un bosco ma in un’isola abitata da una popolazione ostile: gli Altri…

c) ripartite sgommando nel fango e buttando acqua nel cofano ogni tanto, e date retta a un consiglio del vostro meccanico che raccontava di quando una volta aveva fatto un viaggio dalla sicilia a milano con il riscaldamento acceso, per “abbassare” la temperatura nel motore in via di esplosione.

Ed è così che effettivamente andò: memore di aver già fatto fuori un motore di una punto in autostrada a seguito del malfunzionamento del termostato, appena mi sono accorta di aver fatto bingo nel termostato della Opel dopo l’attraversamento imprevisto di un bosco che in teoria non doveva essere lì, ci siamo fermati, e abbiamo versato i primi 2 litri (su 7 totali versati nell’intero viaggio) di acqua nel cofano. Insomma la Opel è completamente fiammata, carissimi, e non si sa per intercessione di quale santo non siamo finiti arrosto.
Per migliorare il rendimento del motore, ho dato retta al consiglio del mio meccanico, che tempo fa mi disse: Silvia, se ti troverai con un motore surriscaldato e senza impianto di raffreddamento, ricordati, versa acqua fredda e viaggia col riscaldamento acceso!
Insomma, abbiamo dato via all’operazione Vortice. In pratica abbiamo viaggiato negli ultimi 400 Km con il riscaldamento a palotta e i finestrini  abbassati, dando il via a un nuovo scombussolamento climatico sulla Terra.

Ad ogni modo, concludendo per oggi: il viaggio è andato bene, ho incontrato un po’ di amici che non vedevo da un po’ sparsi per la Bosnia orientale, ed è bello perchè è un po’ un ritrovarsi. Poi per alcuni di loro è un modo di uscire da una quotidianità magari di paese e quindi la tua visita è una cosa di cui parlare per un po’, un ricordo nuovo, un momento da aspettare  e da pregustare. Per questo, quando vado in visita nei villaggi, dalle mie donnine che mi preparano le sarme e mi regalano le papuce, sono sempre particolarmente brillante, per imprimere maggiormente il ricordo. So che mi vorrebbero bene anche se fossi stanca, incavolata e silenziosa, come solo io so essere, ma so che posso fare di più a volte e uscire dai miei momenti da nuvoletta nera, per regalare 5 sorrisi in più a chi a volte non sorride mai.

Ed ora, un po’ di foto galleria!

In attesa, forse, di ripartire…

Vahid si mette all’opera. Manco le luci funzionano…


Merima e Sedina


Una Smart che si crede chissà chi…

La mia “Fata” di Srebrenica. Dal balcone di casa

Annunci
commenti
  1. ernesta farina ha detto:

    gli occhi, bellissimi, sono di merima ma il resto del viso no. è diventata grande. secondo i miei calcoli dovrebbe avere circa 20 anni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...